Robot rock is the new bubble pop!

Desert Sessions Vols. 11 & 12 (Matador) Nuovi capitoli per la saga degli amici del deserto confinati nel Rancho De La Luna (Joshua Tree National Park).Con mr. Homme stavolta sono della partita Les Claypool (Primus), Billy Gibbons (ZZ Top), Matt Sweeney (Chavez, Zwan), Jake Shears (Scissor Sisters), Matt Berry, Mike Kerr (Royal Blood), Carla Azar (Autolux,…

The Dream Syndicate e l’eterno presente

The Dream Syndicate These Times (Anti) Il ritorno discografico dei Dream Syndicate nel 2017 non fu mero revival, considerando la qualità e la continuità negli ultimi 30 anni di dischi belli e ispirati da parte di Steve Wynn. Questo può essere sufficiente per non tacciare gli appassionati di feticismo da culto underground. Fruire liberamente oggi…

Mauro Ottolini: di conchiglie, ambiente, musica e cartoon

Mauro Ottolini è uno degli artisti più poliedrici della scena ‘non solo jazz’ italiana.Compositore, trombonista e arrangiatore ma anche appassionato di comics e animazione nonché di  tematiche ambientaliste e strumenti atipici, il suo mondo è un coloratissimo ‘ottovolante’ (per citare un suo album del 2007) e noi lo abbiamo incontrato per parlare del suo ultimo lavoro,…

Aphex Twin: dalla cristalleria alla giungla

Aphex Twin Collapse (EP) Warp La liquida IDM novanta è ancora legittimata nell’ultimo ep di Richard D. James. Gli intricatissimi e cangianti pattern poliritmici inventano un afrodada drammatico in cui trovano posto bassline bauhausiane e scenari quartomondisti; pura tensione andata e ritorno.  Che invidia proverà il più smaliziato dei dubster a fronte di cotanto ironico…

Toy: nuova psichedelia brit ad ampio spettro

ToyHappy In The Hollow(Tough Love) Lontana dai tòpoi psych-rock statunitensi, la profondità dei suoni nell’ultimo lavoro dei Toy allarga lo spettro di possibilità per una  moderna psichedelia inglese.Happy In The Hollow maneggia materia pop dreamy shoegaze intessendo trame sintetiche basate su ipnotici battiti kraut-wave, accelerazioni orgoniche e oscillazioni siderali. Si possono così ritrovare in ordine sparso l’indolenza dei Jesus & Mary…

Cloud Nothings: araldi del disincanto

Cloud NothingsLast Building Burning (Carpak/Wichita) Con delle solidissime basi di indie rock americano (quello dei novanta/primi duemila) Dylan Baldi e sodali arrivano al sesto album dopo circa dieci anni di attività senza aver mai sbagliato un colpo, nonostante il loro basso profilo. Melodia e rumore, emotività irrisolte, angst giovanile: con gente come Cloud Nothings la roba vecchia appare fresca…

Idles: La gioia come atto di resistenza

Idles Joy as an Act of Resistance (Partisan Records) Il titolo del secondo album dei bristoliani IDLES potrebbe sembrare un banale motto se non fosse per la credibilità della band che gli conferisce dignità ed energia, status che nel panorama post-punk/post h.c. si raggiunge solo se si è ‘veri’. E in Joy as an Act…

Label plays with vinyl

Label Plays With Vinyl Nata da poco più di un anno, l’AR Recordings di Stefano Gallone restituisce l’idea ormai romantica di etichetta indipendente che cura in modo certosino e artigianale le proprie produzioni e che ama i propri artisti condividendone le sorti. Una delle caratteristiche della piccola label è quella di andare oltre le divisioni di genere, ospitando al suo interno…

Denzel Curry: l’anima non si svende

Denzel Curry TA13OO (Loma Vista) Ecco il disco hip-hop che non può e non deve passare inosservato anche se non siete abitualmente fruitori di rap, trap e dintorni. Già basterebbe l’uso limitatissimo dell’autotune in un album di genere nel 2018 per glorificare il 23enne floridiano del sud ora di stanza a L.A. Sono tante le…

A Perfect Circle: è già successo, succederà ancora.

A Perfect Circle Eat The Elephant (BMG) Quando una band che si chiama A Perfect Circle ritorna con un nuovo album dopo quattordici anni, possono succedere solo due cose: la prima è che fanno un disco adulto, sussurrato, atmosferico, anche un pochino (ma poco poco) sperimentale, un disco che un pubblico maturo e conscio del…

Eradius: tra passato e presente

Eradius – s/t (autoprod.) Oscilla tra alternative e stoner il giovane duo anglo/veronese formato da Richard Dylan Ponte a voce e basso ed Edoardo Gomiero alla batteria. Il crossover più dinamico dei nineties si fonde a sonorità urbane e veloci alla Atomic Bitchwax, a suoni secchi e a incipit funkettosi e storti. Tutto scorre fluido…

A Hawk and A Hacksaw: per veri viaggiatori

A Hawk and A Hacksaw Forest Bathing (Living Music Duplication) Beati coloro che non conoscono i lavori di Jeremy Barnes e Heather Trost perché avranno ancora qualcosa di bello da scoprire nella musica indipendente americana. Certo, dire così può essere deviante poichè A Hawk and A Hacksaw, qui al settimo album, sono in realtà artefici…