Woody Jackson

Woody Jackson – Dos Manos (Interbang Records)

 

Ha composto musica per films hollywoodiani molto famosi, videogames e jingle pubblicitari ed ha collaborato a dischi di Daniel Johnston, Beck, Money Mark, Friends of Dean Martinez, Green On Red e Badly Drawn Boy: questo in sintesi il curriculum del musicista e compositore californiano Woody Jackson che con Dos Manos dimostra la sua capacità di abbandonare anche gli assolati sentieri del mainstream a favore di piccole produzioni indipendenti come questa soundtrack che esce per la nostrana Interbang Records.

Il disco, prodotto da David Holmes, vede la partecipazione tra gli altri di John Convertino (Calexico) e dei Sacri Cuori, formazione ‘open’ romagnola di nascita ma americana nel cuore che suona con mostri sacri come James Chance, Howe Gelb, Marc Ribot, Hugo Race, Dan Stuart, Robyn Hitchcock e Steve Wynn.

E dai nomi fatti già si immagina il contenuto di questo lavoro che funziona benissimo anche al di fuori della sua dimensione di colonna sonora.

L’apertura è affidata a Prisoner Of Fate, traccia fatta di polvere, cieli bassi e desertica rassegnazione raccontati dalle corde di una elettrica mariachi molto vibrante, forse più ultimi Ronin che Calexico.

Con la traccia successiva, Macadam Cowboy, si abbandona l’Arizona per proiettarsi in uno  scenario downtown rubato da qualche disco di Tom Waits: una camminata notturna su umidi marciapiedi, tra percussioni sfuocate e percepite in lontananza, almeno fin quando i fiati non evocano una cupa world music in stile ‘Jon Hassell’ prima di ritornare nei bassifondi con frammenti di freddo jazz davisiano.

Il bel contrabbasso in evidenza ed il flicorno di Shadowing riprendono queste riflessioni jazzy mentre The Condor, scossa ed incendiata da fremiti latini, viene al contempo congelata da sospensioni di tastiere vintage.

Con il tremolo delle chitarre di Ambrosia la latitudine è ancora quella dei Calexico mentre Midnight Moon, unica traccia in cui ci sono vocals, ci introduce in una fumosa ed elegante atmosfera dark-jazz alla Böhren Und Der Club Of Gore.

Si conclude con A Tear In The Air che riassume tutte le caratteristiche dell’album: lento, cinematico, jazzato, westernato, ambientale e – incredibilmente – con tanta Italia dentro, un’Italia underground diversa da quella dei soliti circuiti indipendenti e che  preferisce frequentare amici importanti della musica americana.

(recensione scritta qui per Rockline)
Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    da ascoltare senza dubbio, e mi occuperò anche de I SACRI CUORI. Grazie!!!

    Mi piace

    1. giuliozine ha detto:

      grazie a te anonimo, ottima scelta

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...