Antony and the Johnsons

Antony And The Johnsons – Cut The World (Rough Trade)

(Dopo aver anticipato il singolo video, ecco la recensione completa sull’ultimo album live di Antony & The Johnsons che ho scritto per FreakOut!)

E venne anche il tempo di un live glorioso per Antony Hegarty, sebbene non sia l’unico nella sua produzione.
Si tratta di concerti tenuti a Copenaghen con la Danish National Chamber Orchestra e questa dimensione cameristica esalta ancor di più l’animo da sempre mèlo della musica dei Johnsons.

Soltanto la prima traccia è un inedito, Cut The World, brano che ci spezzerà definitivamente il cuore e che per il sottoscritto è tra i più belli del 2012 (il video in cui partecipa l’attore Willem Dafoe e la performer Marina Abramovic è assolutamente da guardare).
La seconda traccia, Future Feminism è un monologo che Antony tiene ultimamente durante i suoi concerti, a partire dal festival londinese Meltdown di cui quest’anno è stato direttore artistico e nel quale espone le sue teorie su natura ed ecologia alla luce di una rinnovata e globale visione che investe l’universo del ‘femmineo’.
E se all’ascolto, questi sette minuti in seconda posizione rubati alla musica possono sembrare fastidiosi per un pubblico non anglofono, denotano quanto sia importante per Antony ‘il messaggio’ e poi con il repertorio che segue gli perdoniamo tutto.
Segue infatti una Cripple & Starfish che scioglie come burro, leggiadra e solenne e You Are My Sister, unica estratta dal suo best-seller I’m A Bird Now (scelta oculata visto che il resto della sua discografia è immeritatamente meno conosciuto dal grande pubblico e Cut The World rappresenta quindi una grande occasione di recupero).

Inutile sciorinare il resto dei brani, tutte perle di delicatezza e struggente poesia per chi conosce ed ama da sempre Antony and The Johnsons; ciò che conta è il modo divino in cui Antony ci parla di cerchi di luce e di streghe, di ossigeno, di religione e del salvifico potere delle donne in contrapposizione a secoli di predominio maschile.
Se davvero una rivoluzione ’femminista’ in senso ampio salverà poi il mondo non ci è dato saperlo ma di certo il transgenderismo intanto sta portando risultati incredibili nell’arte e personaggi come Antony possono dare la giusta visibilità anche a colleghi come Baby Dee o Ernesto Tomasini, da sempre in penombra in una sistema dello spettacolo a volte non meno bigotto della società che rappresenta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...