The D.O.T.

The-D.O.T.-Diary

The D.O.T. – Diary (Cooking Vinyl/Edel)

The Streets e The Music sono due delle tante esperienze urbane che l’Inghilterra del nuovo millennio ha partorito e poi chiuso per quella brutta malattia chiamata ‘hype’.

Non c’è motivo di credere che The D.O.T., duo formato da Mike Skinner e Rob Harvey (individui legati ai due nomi citati) non sfugga allo stesso destino poiché sappiamo bene che quell’epidemia il cui focolaio è indubbiamente in U.K. non sarà mai debellata, però il compito di non lasciarci distrarre dai rumori di fondo e giudicare serenamente solo con le nostre orecchie ed il nostro gusto sta a noi.

Diary è già la seconda prova del duo in pochissimo tempo ed anche questo in genere non è un segno troppo positivo.

Ovvie critiche a parte, quello che risalta al primo ascolto di quest’album è che The D.O.T. – può piacere o non piacere – ha i piedi saldamente piantati nel nostro tempo; questa tendenza è tipica di chi ha capito che oggi il meltin’ pot tra vecchio e nuovo risulta quasi sempre vincente perché appaga un po’ tutti i palati.

the_dot.1

Ed impastare i beats e i loop con l’errebì ed il soul-pop e scomodare illustri celebrità quali Steely Dan o Rod Stewart non solo è da furbi ma è anche da bravini saputelli perché dimostra che i nostri certa musica seria la ascoltano davvero.

E’ così che si alternano maliziose How We All Lie e Under A Ladder con questa vocina un po’ nasale al limite della stonatura dovuta al passo quasi narrante dell’hip-hop ad una Most Of My Time di pura scuola Donald Fagen; è così che si passa dall’apertura ad effetto di Make It Your Own che teletrasporta i Jefferson Airplane in pochi secondi di soul epico al singolo Blood Sweat and Tears (si, in effetti non si capisce bene se i ragazzi soffrano un po’ di manie di grandezza o semplicemente ci paraculano..).

the D.O.T.2

Poi il vocoder anni duemila d’obbligo a sottolineare l’attitudine stradaiola per Makers Mark, come degli  Hot Chip che invece d’essere i reginetti dell’indieclubbing fossero frequentatori dei più luridi sobborghi della City.

Dalle altezze di cotanto nobil-pop a cadute rovinose verso un manierismo televisivo alla The Voice è giusto un attimo, ma la cifra stilistica dei The D.O.T è tutta qui. La conclusione è che Diary lo ascoltate tutto e senza noia per i primi tre ascolti, qualche deejay over30 riuscirà ad infilarci anche un brano in playlist di seconda e terza serata e Mike e Rob alla fine ci faranno pure simpatia. Ok. Altro è però dire che questo disco sarà ricordato tra tre mesi.

(Questa recensione puoi leggerla anche su FreakOut Magazine)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...