Motörhead

cover aftershock

Motörhead – Aftershock (UDR GmbH/Motörhead Music)

Salve, sono Ian Fraser Kilmister detto Lemmy, voce e basso dei Motörhead.

Aftershock è il nostro ultimo album ed è tra i migliori mai fatti. Ok, si dice sempre così ma è davvero il migliore, almeno tra gli ultimi. Abbiamo fatto un ottimo lavoro di studio, cosa che prima non mi piaceva affatto ma ora che ci capisco quasi tutto mi piace molto di più.

Con il nostro produttore, Cameron Webb, è molto bello lavorare, è già il quinto album che facciamo con lui. Non saprei se considerarlo il quarto Motörhead, il fatto è che lui fa esattamente le cose come vorrei sentirle io, quindi direi che è perfetto così. Alla fine comunque noi parliamo di stronzate tecniche mentre sono i chitarristi quelli che cuccano di più, è sempre stato così, anche se con le donne ciò che conta di più è farle ridere per cui consiglio agli aspiranti chitarristi di raccontare una barzelletta tra una canzone e l’altra.

Donne… certo che non si può vivere con loro ma non è che si possono far fuori tutte, no? Del resto casa mia è un piccolo museo della seconda guerra mondiale ed ho poco spazio, giusto quello tra divano, stereo e collezione di dischi, ecco perchè ho comprato un appartamento più grande in un condominio di Los Angeles, città comoda per raggiungere il Mexico .. che non si sa mai .. ci ho fatto anche la canzone.

Non so perchè mi ha sempre ossessionato ‘sta cosa della guerra, perfino quest’album volevo intitolarlo After The War, è molto bella la parola After ma il The dopo ci stava male quindi Aftershock ha funzionato. E non c’entra nulla con le mie condizioni di salute, non cominciamo a cercare relazioni dove non esistono e se non ci credete chiedete a Mikkey. Certo son stato male, anzi è stato proprio un anno di merda a dirla tutta ma sta finendo bene dai.

lemmy

Le canzoni son sempre tutte uguali? Beh, è il solito problema di chi fa il mio mestiere; nel fare canzoni veloci c’è il timing che ti frega e magari qualche volta può capitare di sentire qualcosa di molto simile ad un brano già sentito, ma credo che nessun Motörheadbanger si sia mai posto questo problema. E poi ci sono Dust And Glass e Lost Woman Blues. Da quanto tempo non si sentiva bell’hard-blues caldo e avvolgente che non fosse di estrazione stoner? Il  blues mi è sempre piaciuto, mica da ora che mi date per vecchio e malato … e intanto io son qui a parlare mentre ascoltate il mio fottutissimo disco di quarantennale rock and roll mentre son gli altri che non t’aspetti a morire per primi. Ciao Lou, mi dispiace.

Tranquilli però, gli altri brani parlano di casini. E’ tutto un casino .. internet, la privacy .. le carte di credito! Hanno aperto una grande scatola ed ora non riescono più a rimetterci le cose dentro. Io son tranquillo però, il nostro marchio ora sarà perfino sulle bottiglie di Shiraz australiano. Già è successo in passato con del vino rosè, un paio di vodke ed alcuni bourbon. Credo sia un buon vino ma non lo saprò mai davvero, non lo berrò, non mi piace il vino rosso. Mi piacciono invece i libri, si, amo molto leggere, son quello che si dice ‘a good reader’.

Si, son proprio tranquillo. Che rimpianti potrei mai avere nella mia vita? Che rimpianti ha uno che ha sentito il proprio nome urlato da centomila persone?

Una cosa forse ci sarebbe, fare il Papa. L’età è anche quella giusta, ma purtroppo è la mia religione ad essere sbagliata.

(recensione su Rockline)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...