Nastenka Aspetta Un Altro: tra new wave e poesia

cover

Nastenka Aspetta Un Altro – Le Parole Non Dette (Toten Schwan/ Enter/ Effetti Collaterali)

La cifra letteraria la si evince sin dal nome, Nastenka è un personaggio de Le Notti Bianche di Dostoevskij, ma i riferimenti della band di Alfonso Errico sono da cercare sicuramente più vicino nel tempo e nello spazio. Quanto abbia influito la lezione della new wave italiana lo comprendiamo chiaramente nell’arpeggio ‘siberiano’ dell’opener Victus dal quale emergono i primi Diaframma, quel certo declamare conciso dei Massimo Volume ed il microglitch degli Offlaga Disco Pax.

Ora che siamo sicuri di non esserci sbagliati e di aver sbaragliato il campo da possibili dubbi, può cominciare la recensione.

Un Azzurro tende ad aprirsi a distese ambient ad un passo dall’isolazionismo ed offrono una perfetta base ai versi asciutti della voce, quantunque sia sempre il paradigma wave a dominare la scena. Cascando offre una maggiore tensione electro-rock e dinamiche di movimento dalla metà in avanti, pur restando all’interno di una stanza poetica che è più un antro in cui i Nastenka han deciso di rinchiudersi consapevoli che le possibili variazioni da percepire sono minime.

Chimera è quella che mi piace di più con le sue sospensioni glitch iniziali, l’oscuro minimalismo wave e la ‘decadence’ dei versi. E’ qui che gli animi dark più sensibili traggono linfa per i propri sogni corrotti da visioni di ‘voluttà e dolore’ e si entra in atmosfere da Coil degli ’80.

L’e.p. si chiude con Confessioni, quasi una preghiera post-industrial recitata sulla consueta base di elettronica sostanziale e cupezza terminale.

Solo alla fine dell’ascolto quindi si comprende che ciò che è messo davanti è solo un inganno, a mò di cavallo di troia, che non sono quelle forti reminiscenze di nobile background italico ad essere lo scopo di Nastenka, molto più interessante è lo sbriciolarsi indietronico delle macchine di Marchesiello o il riportare certi concetti sottesi della cultura post-industrial nel nostro apatico contemporaneo.

Poi certo, con tanta carne al fuoco anche i Nastenka sanno che bisogna affrancarsi sempre di più dai modelli che colonizzano il nostro inconscio musicale ma probabilmente per questo tipo di progetti in cui le liriche e la relativa rappresentazione non son seconde a quella che è la parte meramente strumentale il mio suggerimento forse lascia il tempo che trova.

(Recensione presente su Rockline) 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...