Warias: l’altra ‘trance’

warias-wools

Warias – Wools (Cybertree)

E’ un trasporto quasi pagano a veicolare le energie dei Warias, una visione assolutamente moderna del concetto di trance in musica, ben lontana dalle diverse forme che il termine ha assunto negli anni.

E’ l’aspetto percussivo a dominare in Bali, a supportare i terzomondismi che soggiacciono alle istanze più ansiogene, a quelle fughe a cui abbiamo già parzialmente partecipato con gli Aucan.

E’ la new-wave più marziale, quella dei Joy Division e dei Killing Joke che si fonde e si sfilaccia in immagini da scoperta di nuovi mondi, quella di Wools.

E’ un beat synthetico, compulsivo ed oscuro quello che anima Dune e sul quale cantilenanti voci orientaleggianti disegnano i paesaggi del futuro ed animano dancefloor da Blade Runner.

E’ dai caldi vapori di Daylight – cursori spinti a distorcere in downtempo – che si intravedono isole vergini in estati da fine del mondo.

Warias è il progetto artistico multimediale di Matteo Salviato, già bassista per The Soft Moon, e Giulio Marzaro, aiutati in studio da Stefano Scattolin, bassista degli Elettrofandango e fonico per gli Aucan.

In giro si dice che ‘live’ sian catartici e non si fatica a crederlo.

(La recensione su Rockline)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...