Gioventù Bruciata, tutto qui!

Fronte_Cover

Gioventù Bruciata – S/T (Brigadisco)

Fine anni ’80, centri sociali, occupazioni, hardcore punk. Questo è lo scenario da cui muove i primi passi la Gioventù Bruciata di Formia.

Probabilmente troppo legati al punk rock per essere considerati credibili dagli ideologi della scena dura e pura, i Gioventù Bruciata allora ci riprovano a inizi duemila con una nuovo demo in cui assecondano le loro tendenze e fino al 2004, tra vari cambi di bassisti, calcano i palchi insieme a tutta la scena punk & hardcore che in Italia ha fatto storia.

Altri dieci anni passano, e ai ragazzi gli viene di nuovo la voglia. Con una nuova sezione ritmica però. Voglia di cosa? Di portare a compimento quel che hanno iniziato, di rifare Reazione Violenta un po’ meglio, di suonare ancora quel punk hardcore all’italiana semplice e diretto senza tanti fronzoli, senza nessuna volontà di compiacere a nessuno. gioventùb

Ed il disco suona davvero bene, liscio, divertente ed energico.

Ma forse divertenti non vogliono esserlo, magari si divertono solo loro o addirittura non si divertono per niente. Difficile comprenderlo dalle loro dichiarazioni e dai testi dei brani. Niente di difficile o di criptico, anzi, il contrario.

 

Foglio-interno-back

Tutta la dialettica punk rock più rozza e volgare è tutta qui, senza mediazione, senza tenersi, come se il tempo si fosse fermato a 25 anni fa, con le medesime tematiche di allora: odio, eroina, provincia, vuoto, noia e depressione.

Difficile immaginare qualcosa di più anacronistico. Difficile immaginare però anche il lusso di poter permettersi di esserlo.

Il disco ad ogni modo riesce a funzionare alla grande poiché l’energia che emana è qualcosa che nel nostro tempo è sempre più raro e quando c’è, è artificiosa, come quelle cose strane che girano oggi ed osano appellarsi ‘punk’.

No, il punk è questo ed è qui. Nel bene e nel male, con tutti i suoi limiti espressivi ma anche con la sua rabbia primigenia.

Oltre al materiale di repertorio quindi, due brani nuovi, 33 Giri e Furcatis Lingua ma anche due cover, Visioni Meccaniche dei Khalmo e la storica Gioventù Bruciata dei Bloody Riot, con lo stesso Roberto Perciballi alla voce: miti di serie B, ma scolpiti nel cuore.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...