J Mascis: mr. Dinosaur in odor di santità

homepage_large.a7b60ff4

J Mascis – Tied To A Star (Sub Pop)

 

La sensazione che Mascis abbia riformato i Dinosaur Jr. per soddisfare le sue intemperanze elettriche, ascoltando gli album solisti a suo nome, è ormai più di un indizio e Tied To A Star ne è la conferma, fin dall’iniziale Me Again in cui è la quiete totale a dominare l’ascolto.

Più pop la successiva Every Morning ma non sarà quell’assolo elettrico a farci cambiare idea. Perchè è in questo modo che Mascis è diventato un classico, al di là del ‘dinosauro’, pur partendo da esso, raccogliendone tutte le migliori intuizioni e diluendole in quel flavour mascisiano unico ed inimitabile. Ad oggi la sua ipotesi di ‘folk-rock meets indie-pop’ resta una delle più credibili, a dispetto dell’età.

Non è questa musica di sensazioni forti, mai.

Il suo appeal, il suo punto di forza è nelle penombre in cui si rifugia, nei pastelli acidognoli di cui si colora. Accordi sospesi per canzoni sospese, ed Heal The Star è qui ottimo esempio di come temperare le emozioni a gradazioni crepuscolari.

j_mascis_03Un altro filone interessante da seguire di questo nuovo Mascis sempre uguale a sé stesso è quello che lo vede alla prese con degli spunti che diremmo ‘spirituali’. La seconda parte della già citata Heal The Star presenta degli orientalismi più vicini a Ben Chasny che non ad una generica idea di indie-rock, e se Chasny è legato a sua volta ai primitivisti americani come Fahey o Kottke, abbiamo la chiusa del cerchio.Questa che potrebbe essere solo una suggestione, in verità è ancora più forte nel country raga di Drifter e seguendo questa traccia abbiamo scoperto che il nostro ha partecipato alla soundtrack del pluripremiato documentario One Track Heart – The Story Of Krishna Das (cioè il vocalist del nucleo embrionale dei Blue Öyster Cult che negli anni ’70 dopo abusi di droghe e depressione lasciò Long Island per l’India e dopo intense frequentazioni di guru e maestri spirituali è diventato a sua volta maestro di fama mondiale di kirtan, particolare stile di canto devozionale indiano).

E i lunghi capelli e la barba bianca di Mascis ben si prestano all’immaginario di un santone indiano, ci può stare.

Disco del mese su Rockline

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...