Pink Mountaintops: il rock and roll che nel 2014 non ti aspetti più

 

jag250.11183v5

Pink Mountaintops – Get Back (Jagjaguwar)

Il successo dei Black Mountain è fuori discussione così come le critiche che alla band sono sempre state rivolte, se vogliamo anche fondate, quando si riferiscono al revivalismo tout-court in cui la band in qualche modo ha sempre sguazzato.

Ma se a Stephen Mc Bean piacciono quei suoni, quel periodo e quelle bands, è forse una colpa ricreare più o meno consapevolmente un’epopea? Non sembri eccessiva quest’ultima affermazione, perché con Pontiak, White Hills, Dead Meadow e compagnia bella di questo si tratta. Forse troppo calligrafici rispetto ai compagni citati, ma forse proprio per questo tra i più potenti?

In ogni caso l’uomo di Vancouver non solo stoicamente non demorde, ma procedendo in quell’idea di collettivo aperto tira fuori sempre per Jagjaguwar il quarto atto della serie Pink Mountaintops che – copertina a parte – è semplicemente uno dei più bei dischi rock dell’anno di fronte a cui anche la critica più pigra si è dovuta piegare.JAG250vid1

Si parte con il rock n’roll stradaiolo di Ambulance City memore dei ’70 più viziosi, gran botta di adrenalina protopunk, citazione bowieana alla maniera di Johnny Thunders, si prosegue con The Second Summer Of Love, eloquente sin dal titolo, forse il brano più conosciuto dell’album, pervaso da una vena beat malinconica, come dei Jefferson Airplane in minore ma comunque energica, ritmata, sostenuta e che invita decisamente alle danze.

Through All The Worry è la resurrezione della scena paisley underground, è Dylan se fosse stato ventenne negli ottanta e c’è anche un assolo inconfondibile che ricorda quello di Mascis quando con i suoi Dinosaur ha rifatto Just Like Heaven dei Cure. Ed infatti è proprio lui, J. Mascis, solo uno dei tanti partecipanti alla comune per questo giro.

L’apertura latineggiante di Wheels, il suo incalzare, nasconde in realtà un brano che non avrebbe affatto sfigurato in un album degli Smiths con quel cantato tra l’appassionato ed il lamentoso.

Sell Your Soul: ancora una perla a cavallo tra settanta ed ottanta, un pò Big Star ma anche un pò Nikki Sudden, un pò glam ed un po’ power-pop.
Ma è con North Hollywood Microwaves, sicuramente la traccia più sporca di tutto il catalogo Jagjaguwar, che si osa di più essendo un delizioso schizo-pop alla Ariel Pink in fast mode con sax acidi che si affacciano sbeffeggianti e la voce di Annie Hardy dei Giant Drag che si lancia in uno scioglilingua protorap come dei Bis strafatti di coca.

PM_Patterson01New Teenage Mutilation riprende gli Stones più pigri mentre Shakedown fa un giro attorno al miglior pop scozzese 80-81 sporcato ancora una volta dalla chitarra di Mascis.

Pink Mountaintops son stati in grado di prendere il meglio della transizione tra settanta ed ottanta e con una freschezza unica li han messi in questo disco coadiuvati – oltre ai già citati – da Rob Barbato, bassista per i Fall nella seconda metà degli anni ’00, Steve Kille dei Dead Meadow, Daniel Allaire dei Brian Jonestown Massacre e Gregg Foreman dei Delta 72.

In cabina di regia invece troviamo Randall Dunn e Howie Weinberg e se tutto ciò non vi dice nulla allora abbiate solo fede: Get Back è l’album che non si crede possa esserci nel 2014, rock and roll da bere tutto d’un fiato.

 

Rockline Consiglia

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...