Chelsea Wolfe: punto di non ritorno

Front Cover Digital

Chelsea Wolfe – Abyss (Sargent House)

Abyss segna un punto di non ritorno per Chelsea Wolfe.

L’artista di Sacramento dal gloomy mood, in questo disco raccoglie tutte le sue fascinazioni estetiche e le condensa in un simbolismo all’ennesima potenza che ci sprofonda in un incubo swansiano ad altissima densità.
La produzione di John Congleton e l’esperienza live con i Russian Circles – il cui chitarrista Mike Sullivan qui è della partita – influiscono profondamente sul suono che ora va oltre quel masochismo suadente, sublimato, romanticamente contemplato e perché no, subdolamente pop che ha fatto grande un lavoro come il precedente Pain Is Beauty; allo stesso modo le dolenti derive folk di Unknown Rooms sono ormai solo un lontano ricordo.

cw-angel-ceballos-bill-hicks-tributePerduti dunque quei tratti un pò naïf che talvolta caratterizzano certe espressioni del gotico americano – e questo un pò dispiace – , la dark lady presenta oggi un album degno di un trattato di psicoanalisi, centrato sul difficile rapporto tra la veglia e la fase onirica, nel momento in cui esse si confondono e quando i fantasmi che ne affiorano appartengono tanto alla realtà quanto all’inconscio.

Litanie che si srotolano lente su disturbanti tappeti industrial-electronici, ossessive, ipnotiche, scandite da pesantissimo doom e dal ferale rintocco di campane; striscianti e asfissianti tricks di coiliana memoria che si sgretolano sotto il peso di chitarre che accendono fuochi fatui di rarefatto post-core: questo è ciò che offre il platter.
720x405-Chelsea-Wolfe---credit---Shaina-Hedlund
La dark music credeva di aver trovato la sua PJ Harvey o la sua Cat Power ma Chelsea Wolfe si è incamminata verso un lontano empireo oscuro nel quale – a parte Nico e Diamanda Galas – e con il dovuto rispetto – non ci sono molte presenze femminili.

La strada è molto lunga, il sentiero imboccato potrebbe essere quello giusto ma la bambolina infernale un pò ci mancherà.

Su Rockline

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...