The Cult: icone che ritornano

The-Cult-Hidden-City

The Cult – Hidden City (Cooking Vinyl)

Maturi rockers a tutto tondo, noncuranti di radical chic e malelingue, Astbury e Duffy continuano per la loro strada anche grazie al supporto di legioni di fan affezionati e non certo per quella critica troppo sensibile all’estetica del cuoio che non li ha mai apprezzati.

In tutta la loro storia, cosa ancora molto evidente in Hidden City, è la declinazione per il rock  and roll massimalista a portarli immancabilmente ad eccedere in calligrafismo, a tratti sino al caricaturale, ma al contempo è proprio quello che li rende irresistibilmente enciclopedici e incredibilmente stilosi ed efficaci nella loro sintesi.the cult 2016

Come in No Love Lost, nella quale se sostituissimo la voce di Ian a quella di Dave Wyndorf avremmo i Monster Magnet periodo Dopes to Infinity.
Come in Dance The Night dalle nuances del miglior glam rock.
Come in Birds of Paradise in cui ritorna un febbrile passato romantico, gotico e dark.
Come nell’orgia di chitarre southern di G O A T.
Come nella zeppeliniana Deeply Ordered Chaos che più zeppeliniana non si può.
Come in Avalanche Of Light, anthem ruffiano buono per i prossimi live ma anche per fughe solitarie in auto sfrecciando verso l’estate.
Come in Sound And Fury sulla quale la presenza del fantasma di Bowie è più di un sospetto.

Questo decimo album prodotto da Bob Rock – possiamo dirlo – non sfigura affatto nella discografia dei Cult.

La rece su Freak Out Magazine

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...